Radio

16 febbraio 2016 | 15:32

Dopo il boom nella raccolta pubblicitaria, la radio nel 2015 fa il pieno anche di ascolti. I nuovi dati Radiomonitor del secondo semestre e anno 2015 (LA CLASSIFICA)

Radiomonitor di Gfk ha pubblicato oggi i dati di ascolto delle emittenti italiane nazionali e locali nel secondo semestre scorso e nell’intero anno 2015. Il 2015 si conferma un grande anno per la radio: sono andati molto bene gli ascolti e la raccolta pubblicitaria (+8,8%).

In Italia sono 35 milioni gli ascoltatori quotidiani del mezzo con un leggero incremento sul 2014 (+2,1%). Rispetto al 2014 anche gran parte delle emittenti nazionali crescono o mantengono le posizioni. In particolare però nelle zone alte della classifica nazionale Rds con una crescita del 3,4% porta a casa il sorpasso su una Deejay in salita collocandosi in seconda posizione. Molto bene Radio Rai e Kiss Kiss. In calo R101, m2o e Rmc.

- Leggi o scarica i dati Radiomonitor 2° semestre 2015 (pdf)

- Leggi o scarica i dati Radiomonitor Anno 2015 (pdf)

- Leggi o scarica la classifica comparata 2015-2016 delle emittenti nazionali elaborata da Primaonline.it (xlsx)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I commenti di alcuni editori

Lorenzo Suraci di Rtl 102.5: “La stabilità e il trend positivo dei nostri ascolti, che continuano ormai da tempo, non può che renderci felici ed orgogliosi del nostro lavoro. Questa è la conferma che le scelte fatte sono premiate dalla fedeltà dei nostri ascoltatori.”

Eduardo Montefusco di Rds: “Il dato annuale fornito da Radio Monitor di Eurisko consolida la seconda posizione di Rds e testimonia il lavoro di prospettiva finalizzato a seguire le aspettative degli ascoltatori e del mercato. Da considerare la rilevazione sul quarto d’ora che evidenzia la crescita di RDS sull’ultimo semestre dell’anno del 4,6% rispetto all’anno precedente. Una posizione di prestigio raggiunta tenendo anche conto delle caratteristiche della proprietà: editore indipendente che ha come specializzazione il know how sul mondo della musica, intrattenimento e radiofonia”. Massimiliano Montefusco: “I risultati di RDS confermano come l’entertainment company sappia sentire e in parte soddisfare i bisogni degli italiani consentendo loro di trovare una piattaforma di intrattenimento ed engagement in linea con le loro aspettative ed emozioni e un’informazione mai gridata e sempre puntuale. Dati che sono emersi anche dalla recente indagine Stetoscopio che ha anche evidenziato come RDS accompagni le aspettative e la proattività delle giovani generazioni per assicurarsi un futuro migliore in uno scenario sempre più fluido ed in evoluzione”.

Linus di Radio Deejay: “Sono estremamente felice per questi dati”, ha commentato Linus, direttore artistico di Radio Deejay. “Il 2015 si chiude con un buon miglioramento rispetto all’anno prima, sia in termini di ascolti che di permanenza. Ma non è questo che fa la differenza. Continuo a vivere Radio Deejay come una meravigliosa e inarrivabile utopia. In un mondo che sceglie sempre di più l’appiattimento, la spersonalizzazione, se non la volgarità fine a se stessa, noi continuiamo il nostro percorso di qualità, di personalità e di ricerca. Sia musicale che di intrattenimento. Ed essere promossi dal pubblico è un grande segnale di speranza. Mi permetto di dire non solo per noi”.

Mario Volanti di Radio Italia: “Il dato che ci fornisce l’indagine è positivo, attesta una lieve crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e consolida la posizione di Radio Italia. Siamo soddisfatti del nostro percorso e ci proponiamo di continuare il lavoro con passione ed attenzione per migliorare sempre di più. Abbiamo appena concluso positivamente l’esperienza a Sanremo, kermesse vinta dagli Stadio di cui siamo radio ufficiale del tour, che ci ha visti protagonisti attivi anche sui nostri social. Ci prepariamo per l’evento musicale dell’anno che porta la nostra firma: “RadioItaliaLive – Il Concerto. Appuntamento in Piazza Duomo a Milano l’8 e il 9 Giugno prossimi”.

Finelco sui dati relativi all’intero anno 2015: Radio 105 realizza la migliore performance di crescita in valore assoluto, passando da 553.000 a 622.000 ascoltatori nel quarto d’ora medio, e mantiene la seconda posizione in graduatoria, riducendo drasticamente il gap con RTL 102.5 da cui la separano solo 12.000 ascoltatori nel quarto d’ora medio. I grandi risultati di Radio 105 trainano l’ottima performance delle emittenti del Gruppo Finelco che confermano il trend di crescita degli ascolti rispetto all’anno precedente.

Roberto Napoletano per Radio 24: “Siamo particolarmente soddisfatti che il lavoro costante sulla qualità informativa dei nostri Giornali Radio e dei grandi contenitori d’attualità, nella settimana e ora anche nel week end, sia riconosciuto dal pubblico dei radioascoltatori che ogni giorno ci sceglie e ci ascolta con grande fedeltà. Un risultato raggiunto grazie ad una redazione e una squadra di conduttori che informano e intrattengono con competenza, passione e un tratto sempre originale nel proporre e raccontare i fatti di casa e del mondo”.