22 febbraio 2016 | 15:47

Torneremo nel mercato dei cellulari ma senza fretta, dice il ceo di Nokia Rajeev Suri. Nessun commento sulle voci di un accordo con la taiwanese Foxconn

Nokia tornerà nel mercato dei cellulari, prima o poi: “Può essere nel 2016, può essere più in là, non c’è una timeline, non c’è fretta”. A parlare così, dal palco del Mobile World Congress in corso a Barcellona, è Rajeev Suri, il ceo della compagnia che nel 2014 ha venduto il suo ramo dispositivi a Microsoft per 7,2 miliardi di dollari impegnandosi a non usare il suo marchio sui telefonini fino al 2016.

Secondo quanto riporta l’agenzia Ansa, per la società finlandese sarà importante trovare il partner adatto che si occupi degli smartphone, con Suri che non ha confermato né smentito le voci su un’alleanza con il colosso taiwanese Foxconn.

Rajeev Suri, ceo Nokia

Nel frattempo Nokia scommette sulle reti mobili di comunicazione. “Abbiamo in programma di aumentare considerevolmente gli investimenti nel 5G quest’anno”, ha detto Suri, secondo cui l’adozione delle reti di nuova generazione potrebbe iniziare già nel 2017, con la vendita di apparecchiature compatibili. Il passaggio al 5G, ha osservato il numero uno di Nokia, deve avvenire presto, perché è necessario ad alcune applicazioni importanti dell’internet delle cose. E proprio sugli oggetti connessi la compagnia ha annunciato un investimento da 350 milioni di dollari, sostenuto dal suo ramo di venture capital Nokia Growth Partner. Ad essere supportati saranno progetti sull’internet delle cose nei settori business e consumer, auto connesse e Sanità digitale.