23 febbraio 2016 | 16:09

Continua l’espansione di Vivendi nel settore della produzione di contenuti originali: acquistato il 26,2% di Banijay Group

Vivendi ha acquistato il 26,2% del capitale della società attiva nella produzione e distribuzione di contenuti televisivi Banijay Group in seguito al completamento della fusione tra Banijay e Zodiak Media.

L’operazione, ha spiegato il gruppo transalpino guidato dall’imprenditore bretone Vincent Bollorè in una nota ripresa dall’agenzia DowJones, rientra nelle strategie di espansione nel settore della produzione di contenuti originali.

Vincent Bolloré (foto Olycom)

Banijay Group, continua l’agenzia, con ricavi per 900 milioni di euro e una presenza in 17 Paesi, detiene marchi e format popolari nel campo dell’entertainment, dei reality, del teatri, dei documentari nonche’ programmi per bambini e nell’animazione.

Vivendi ha effettuato un investimento pari a 290 milioni di euro, di cui 100 milioni per il 26,2% del capitale e la restante parte tramite la sottoscrizione di due bond settennali, uno dal valore di 100 milioni emesso da Banijay Group e l’altro da 90 milioni di Lov Banijay, la hoding dell’imprenditore dei media Stephane Courbit.

Contestualmente Exor, che era stata tra i fondatori di Banijay nel 2008, ha liquidato il proprio investimento cedendo la quota del 17,1% che deteneva. Un passaggio di mano della partecipazione che ha comportato un incasso di 60,1 milioni e che consentirà alla holding che fa capo alla famiglia Agnelli di registrare una plusvalenza di 24,8 milioni.
“Avendo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati per quest’investimento”, ha detto John Elkann in una nota ripresa sempre dall’agenzia DowJones, commentando il disinvestimento da parte della holding, “è arrivato ora il momento per Banijay di unire le proprie forze con il gruppo Zodiak e iniziare insieme una nuova fase di sviluppo”.