25 febbraio 2016 | 11:47

Premiati otto progetti italiani dal fondo Dni di Google. Tra i vincitori anche l’idea di Lettera43. Ecco cosa propone il loro progetto

Sono in tutto otto i progetti italiani che sono stati scelti da Google nell’ambito del progetto Digital News Initiative e che beneficeranno in totale di 1,5 milioni di euro sui 27 che quest’anno Big G elargirà per aiutare editori e organizzazioni europee. Al momento si conosce solo uno dei nomi dei vincitori italiani: Lettera 43, con il suo ‘FreeJourn’.

Il progetto premiato ruota attorno al mondo dei freelance e mira a costruire una piattaforma collaborativa per giornalisti e video-foto reporter. L’obiettivo, come si legge sul sito di news, è ripensare al rapporto con i lettori, creando nuovi canali di comunicazione e di partecipazione, e rimodellare il rapporto tra freelance e media che ne usano il lavoro sporadicamente, senza impegni e senza avere peraltro propri reporter su tutti gli scenari da coprire.

Inizialmente avevamo segnalato anche il progetto ‘Blasting News for Europe’ presentato da Blasting News come una delle iniziative premiate per il nostro Paese. In realtà, la stessa azienda ci ha successivamente comunicato che la somma di 500mila euro a loro assegnata non è da ascrivere al totale dei fondi erogati per l’Italia, come da loro stessi inizalmente ed erroneamente indicato, ma ai fondi destinati da Google alla Svizzera, Paese in cui Blasting News ha sede.

Digital News Initiative è il progetto lanciato da Google alla fine del 2015, aperto a organizzazioni, editori o anche a singoli, che si propone di mettere a disposizione 150 milioni di euro con cui finanziare nel corso di 3 anni progetti che abbiano un respiro internazionale e che possano in qualche modo rivoluzionare il mondo del giornalismo, creando un nuovo modello di business o consentendo agli utenti di accedere alle notizie in modo diverso. Tre le fasce proposte, ognuna corrispondente a idee e finanziamenti diversi. La prima riguarda i ‘Prototype projects’, con costi di sviluppo pari a 50mila euro, con Google disponibile a coprire il 100% della somma richiesta e a fornire mezzi per accelerarne la crescita. Nella categoria ‘Medium Projects’ rientrano tutti quei progetti con un tetto di 300mila euro, finanziabili da Big G per il 70%. Infine i ‘Large Project’, riservati alle iniziative con costi superiori ai 300mila euro, finanziabili anche in questo caso per il 70%, fino alla cifra massima di 1 milioni di euro, eccezion fatta per idee che possano essere ritenute particolarmente significative per l’intero ecosistema delle news.