La Rai non riesce a parlare con i giovani, dice il presidente Monica Maggioni. Ha ragione Verdelli, dobbiamo colmare un gap che è generazionale ma anche digitale

“L’informazione Rai è in ritardo? Verdelli ha sollevato alcune questioni che ci sono. Noi non riusciamo a parlare con il pubblico tra i 15 e i 35 anni. C’è bisogno quindi di colmare un gap che è generazionale ma anche digitale”. Lo ha detto la presidente della Rai, Monica Maggioni, rispondendo ai cronisti a margine della presentazione delle inchieste finaliste della quinta edizione del Premio Roberto Morrione.

Monica-Maggioni-olycom

Monica Maggioni (foto: Olycom)

“Dal punto di vista dell’informazione, è come se l’orologio della Rai si fosse fermato nel ’900. Questo è evidente, è proprio un problema tecnico. Nei fatti siamo in un altro secolo e in un’altra civiltà”. Queste le parole pronunciate in audizione in Commissione Vigilanza dal direttore dell’offerta informativa Rai, Carlo Verdelli, cui si riferisce il commento di Monica Maggioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Presidenza Rai, il via libera della Vigilanza apre alla riproposizione di Foa

Olimpiadi, Salvini: farò il possibile per portarle in Italia. Appendino: no di Torino perché manca chiarezza su chi finanzia

I sindacati europeo e internazionale dei giornalisti: inaccettabili gli attacchi del governo italiano ai media