08 marzo 2016 | 9:01

Sharapova, trovata positiva all’antidoping, perde a uno a uno i suoi sponsor. Via la Tag Heuer e sospeso il contratto dalla Nike, mentre la Porsche cancella gli eventi in programma

Prime conseguenze della positività all’antidoping per la campionessa di tennis Maria Sharapova. La Nike, l’azienda di abbigliamento sportivo con la quale la russa aveva dal 2010 un accordo da 70 milioni di dollari, ha deciso di sospendere con lei i rapporti di sponsorizzazione fino alla fine dell’inchiesta.“Siamo rattristati e sorpresi dalle notizie su Maria Sharapova”, si legge in un breve comunicato del colosso americano, citato dai media a stelle e strisce. Abbiamo deciso di sospendere il nostro rapporto con Maria durante le indagini. Continueremo a monitorare la situazione”.
Secondo quanto riporta l’agenzia russa Tass, ripresa dall’Ansa, anche l’azienda svizzera Tas Heuer e la Porche avrebbero preso una simile decisione, la prima scegliendo di non estendere il contratto della tennista, la seconda decidendo di cancellare tutti gli eventi in programma con la stessa Sharapova fino al termine dell’indagine.

Maria Sharapova (foto Olycom)

La notizia della positività ai controlli durante gli Open di Australia è stata resa nota ieri, 7 marzo, in una conferenza stampa a Los Angeles dalla stessa tennista che ha messo in relazione la positività con un farmaco, il meldonium, utilizzato per la cura dei problemi legati al diabete e classificato nella lista dei farmaci con effetti dopantida gennaio.