Facebook a caccia di espressioni gergali. Secondo il Business Insider il social starebbe sviluppando un software per individuare neologismi da inserire all’interno di un suo dizionario slang

Facebook avrebbe brevettato un software per passare al setaccio tutti i post caricati e individuare parole o espressioni gergali da inserire poi in una sorta di dizionario social. L’indiscrezione arriva direttamente dal Business Insider, che parla del tentativo del social di individuare attraverso questo sistema neologismi, abbreviazioni, modi di dire o soprannomi, ancora prima che diventino di uso comune. Con buona pace del nostrano petaloso.

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Il sistema, continua il sito, sarebbe anche in grado, nel momento in cui il termine cade in disuso, di eliminarlo dal glossario social. Non è completamente chiaro quale uso voglia fare Facebook di questo glossario slang, anche se un’idea potrebbe essere lo sviluppo di un programma di scrittura intuitivo, che includa anche questi termini esclusi dai dizionari canonici.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

I giornalisti di Mondadori Periodici: “esorbitanti” 35 esuberi su 149. L’Assemblea: un editore non abdica così al suo ruolo

A Repubblica arriva Verdelli e si riaccende la competizione con il Corriere della Sera

Mediaset, Facebook condannata per violazione copyright e diffamazione. “Contenzioso cruciale, creato un precedente”