08 aprile 2016 | 11:38

Ventidue giovani editori debuttano nell’incubatore del Salone del Libro di Torino. La presidente Milella: anche loro dei visionari

Sono 22 i giovani editori che arrivano da ogni parte d’Italia e debutteranno all’Incubatore del 29esimo Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma dal 12 al 16 maggio. Tra loro c’è il talent scout della narrativa italiana contemporanea e quello specializzato nelle storie di migrazioni, chi propone con ironia libri fatti come pacchi di pasta o di detersivo e chi trasforma una piattaforma online in un libro interattivo.L’Incubatore, che quest’anno compie dieci anni, è un format che permette alle case editrici con meno di 24 mesi di vita di andare al Salone a costi calmierati. “Sono anche loro dei “Visionari” ha commentato la presidente del Salone, Giovanna Milella, riferendosi al tema di questa edizione. Una presenza che si inserisce in una kermesse – anticipa Milella – da tutto esaurito. “Migliaia gli editori e gli autori presenti, dall’Italia e dall’estero, e situazione da overbooking. Cercheremo di accogliere tutti”.

Giovanna Milella, presidente della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura,