11 aprile 2016 | 18:32

Non è Opa ostile, voglio tenere i soci in Rcs, dice Urbano Cairo. Abbiamo valutato la società 700 milioni, quasi il doppio di quanto capitalizza il Gruppo Espresso

“La nostra è un’operazione di mercato, non un’Opa ostile: vogliamo tenere dentro i vecchi soci per beneficiare con me degli eventuali introiti di Rcs, una volta ristrutturata”. Urbano Cairo, intervenendo a Radio Anch’io Sport-Radio1 è tornato a  parlare dell’offerta pubblica di scambio tra le azioni di Cairo Communication e quelle di Rcs, anche in relazione al ruolo degli altri soci del gruppo editoriale. “Venerdì abbiamo fatto un comunicato sull’offerta pubblica di scambio: oggi fare previsioni su come finirà è difficile. Ma voglio dire che non è un’Opa per scalare ma un’operazione di mercato: vogliamo tenere dentro i vecchi soci”.

Urbano Cairo (foto Olycom)

La valutazione di Rcs, ha aggiunto Cairo, è “di rilievo: se si vede il controvalore, sono 285 milioni, che aggiunti ai 487 milioni di debito del gruppo fanno quasi 770 milioni. Se togliamo i 90 milioni di Rcs libri, già ceduta a Mondadori, si arriva a quasi 700 milioni”. “Tenete conto che il gruppo l’Espresso, con Repubblica e una rete di giornali locali, capitalizza in Borsa 370 milioni, e senza debiti”, ha concluso. “A conti fatti, stiamo valutando Rcs quasi il doppio”.

Nel corso della mattinata il presidente di Cairo Communication è tornato sull’argomento anche a margine dell’incontro del collegio dei fondatori dello Stadio Filadelfia, definendo il suo progetto “un’operazione di mercato molto aperta”.

“Non ho sentito i soci di Rcs, non ho avuto alcun riscontro ufficiale che ci siano opinioni diverse. Se ci fossero è tutto possibile e legittimo”, ha poi detto, ribadendo di voler coinvolgere, “se lo vorranno”, tutti gli attuali soci. “Mi sembra un’offerta molto buona, poi è il mercato a decidere, il mercato è sovrano e vince su tutto”.

Sulle tempistiche ha poi detto: “Nel giro di 20 giorni la questione verrà definita: dobbiamo depositare in Consob il documento dell’offerta, la Consob avrà i tempi previsti per valutare l’offerta e dare il suo via libera. Se tutto andasse bene, dovrebbe partire l’offerta”.