Perfezionata la vendita di Rcs Libri a Mondadori per 127,1 milioni di euro

Ricevute le necessarie autorizzazioni delle autorità regolatorie, Rcs ha perfezionato la cessione a Mondadori della divisione Libri, delle partecipazioni sottostanti (che includono il 94,71% di Marsilio Editori, destinato a sua volta a essere rivenduto su richiesta dell’Autorità Garante della Concorrenza, così come il ramo d’azienda della casa editrice Bompiani) e della titolarità esclusiva di tutti i marchi in ambito librario, tra cui Rizzoli. 

Il prezzo dell’operazione, spiegano i comunicati dei due gruppi editoriali coinvolti nell’operazione, ammonta a 127,1 milioni di euro, è stato regolato per cassa attraverso una linea di credito dedicata e recepisce alcuni aggiustamenti previsti nel contratto. A tale valore potrà aggiungersi un ulteriore aggiustamento di 5 mln (in più o in meno) legato a predeterminati obiettivi economici connessi ai risultati 2015 di Rcs Libri. E’ inoltre previsto un earn-out a favore di Rcs fino a 2,5 milioni al verificarsi di alcune condizioni legate ai risultati aggregati 2017 del segmento libri del gruppo Mondadori.

Nella foto, da sinistra: Ernesto Mauri e Marina Berlusconi (foto Olycom)

Al 31 marzo scorso, l’Area Libri evidenziava una disponibilità finanziaria netta pari a circa 29 milioni, ridotta in aprile per l’esborso di circa 9 milioni relativo all’acquisto del 43,71% di Marsilio, nonché per l’assorbimento operativo del circolante. Pertanto, al closing la posizione finanziaria netta dell’Area Libri è stimata positiva per 16 milioni.

Il perimetro rilevato da Mondadori verrà consolidato da quest’ultima con decorrenza 1° aprile 2016. Nel 2015, a livello pro-forma, ha registrato ricavi per 225 milioni di euro e un Ebitda ante oneri  non ricorrenti di 13,6 milioni di euro.

Leggi o scarica il comunicato stampa di Mondadori, disponibile sul sito Mondadori.it

Leggi o scarica il comunicato stampa di Rcs MediaGroup, disponibile sul sito Rcsmediagroup.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv pirata, in Italia 5 mln di utenti e giro d’affari da 2 mln di euro/mese. Gdf: a rischio indagine e multa anche utenti del pezzotto

Tv pirata, in Italia 5 mln di utenti e giro d’affari da 2 mln di euro/mese. Gdf: a rischio indagine e multa anche utenti del pezzotto

<strong> 17 settembre </strong> Napoli batte Boni, Floris rivince su Berlinguer (con Salvini), Vespa boom con Renzi

17 settembre Napoli batte Boni, Floris rivince su Berlinguer (con Salvini), Vespa boom con Renzi

Le precisazioni di Giovanni Parapini sulla comunicazione Rai

Le precisazioni di Giovanni Parapini sulla comunicazione Rai