21 aprile 2016 | 18:00

I lettori dell’Independent tramite app visualizzano in media 50 articoli su 100 caricati ogni giorno. L’editore: chiederemo a chi utilizza ad blockers di provare a disattivarli

Centomila download per l’app dell’Independent. A fronte di una diffusione media del cartaceo pari a 55mila unità, prima che il quotidiano diretto da Amol Rajan fermasse definitivamente le rotative – lo scorso 26 maggio – per migrare esclusivamente online, chiudendo l’edizione cartacea. A scriverlo è Digiday, ricordando che gli abbonati all’edizione cartacea erano circa 7.500.

Amol Rajan, direttore dell’Independent

Scaricare l’app dell’Independent non significa poter automaticamente accedere ai contenuti. Per farlo, infatti, occorre sottoscrivere un abbonamento, pari a 2,99 sterline per una settimana o 149,99 per un anno. L’accesso ai contenuti per una giornata costa 1,49 sterline.

E anche se è ancora presto per tirare le somme dell’operazione, Zach Leonard, digital managing director di Esi Media, affida a Digiday qualche numero del quotidiano: per esempio, sono 100 gli articoli che vengono caricati quotidianamente sull’Independent e i lettori dell’app ne visualizzano in media la metà, per un totale di 40 minuti al giorno, suddivisi nell’arco di due differenti sessioni.

Leonard ha spiegato a Digiday anche che l’Independent sta testando un messaggio per chiedere, in modo garbato, agli utenti dell’app che hanno attivi ad blocker sul loro dispositivo mobile di provare a disattivarli.

Con l’app, infatti, dovrebbe automaticamente ridursi ulteriormente la percentuale di messaggi bloccati dagli ad blocker, che pure, nel caso dell’Independent, è ferma al 10% del totale.

In arrivo un’app autonoma per l’Indy100.