22 aprile 2016 | 17:44

I file audio saranno mai virali sui social? Secondo un esperimento Usa aneddoti, breaking news e repertori funzionano quando le clip durano meno di 3 minuti e suonano un po’ vintage

Nessuno conosce con certezza se i file audio sono in grado di diventare virali sui social. Ma secondo un esperimento Usa, condotto dalla National Public Radio (Npr), aneddoti, breaking news e contenuti d’archivio funzionano, quando le clip durano meno di 3 minuti. A darne notizia è il sito di Nieman Lab.

Jarl Mohn, ceo di National Public Radio

Secondo la Npr, che è l’ente no profit a capo di una syndication di 900 emittenti pubbliche statunitensi, anche le curiosità e i contenuti che difficilmente potrebbero essere condivisi su internet in altro modo possono funzionare bene sui social. A patto che la clip non duri meno di 46 secondo e più di 2 minuti e 44 secondi.

Certo, si tratta solo di evidenze empiriche basate sulla condivisione di una cinquantina di clip sulla pagina Facebook di Npr, ma nel 90% dei casi i radioascoltatori social sono addirittura andati ad ascoltare l’intera registrazione sul sito.

A catturare il radioascoltatore, confida la Npr a Nieman Lab, è stato in particolare il caratteristico sound un po’ vintage e antico dei file audio.

La condivisione su Facebook delle clip è avvenuta tramite il radio palyer beta del social network, inizialmente sviluppato per serivizi di musica come Spotify o Apple Music.