22 aprile 2016 | 16:34

Paramount propone all’Antitrust Ue un accordo per la procedura sulle limitazioni territoriali nella commercializzazione dei film

Segnali di apertura per il mercato dei contenuti audio-video in Europa. La Paramount ha presentato alla Commissione europea una proposta di accordo per uscire dalla procedura aperta dall’Antitrust europeo sulle clausole che limitano territorialmente la commercializzazione dei suoi film imposte nel contratto a Sky Uk, clausole che impediscono ai consumatori Ue di fruire ovunque risiedano in Europa dei contenuti dei loro abbonamenti nazionali via satellite e online.

La Commissione Europea che a luglio scorso aveva aperto l’indagine formale su Paramount ed altre sei ‘major’ (Disney, Sony, NBC Universal, 20th Century Fox, Warner Bros e Sky) ha aperto una consultazione con le parti interessate sull’accordo proposto da Paramount, che, spiega Ansa, sostanzialmente permetterebbe alle emittenti – in questo caso Sky Uk – di non imporre limiti territoriali ai loro abbonati per la visione dei contenuti.

La consultazione pubblica, indicano fonti della Commissione, sarà chiusa in un mese. Nello ‘Statement of Objection’ con cui l’Antitrust ha aperto la procedura, la Commissione rilevava che le clausole contestate a Paramount e alle altre ‘major’, tra l’altro, “eliminano la competizione transfrontaliera tra broadcaster” e creavano “una frammentazione del mercato unico tra frontiere nazionali”.