25 aprile 2016 | 15:59

Salone del Libro: un protocollo sancisce ufficialmente l’ingresso di Mibact, Miur e Banca Intesa tra i soci fondatori

I ministeri per i Beni culturali e per l’Istruzione diventano ufficialmente, con Intesa Sanpaolo, soci fondatori della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, l’ente che organizza il Salone del Libro di Torino. A sancirne l’ingresso la firma, il 23 aprile, del protocollo d’intesa, che il ministro Dario Franceschini definisce “l’esito naturale di un lungo processo che tiene conto dell’alto valore culturale del Salone”.

Soddisfatta anche il ministro Giannini, secondo la quale il sostegno del Miur permetterà agli organizzatori del Salone “di agire con più libertà, autorevolezza e serenità”. Sui futuri assetti del Salone è stato chiamato a lavorare un nuovo Comitato di Indirizzo.

Intesa Sanpaolo, come si legge in una nota della Banca nella quale ribadisca anche la sua partecipazione come main sponsor, ha parlato dell’importanza della positiva collaborazione tra pubblico e privato come una delle caratteristiche che hanno portato al “rilancio della più importante iniziativa italiana a favore del libro”. Resta invece tra gli sponsor Unicredit.

Il nuovo organismo è composto dai consiglieri d’Amministrazione della Fondazione,  Luciano Conterno, Piero Gastaldo e Roberto Moisio, dai rappresentanti di Mibact Rossana Rummo, del Miur, Arnaldo Colasanti e di Intesa Sanpaolo, Michele Coppola.