Via libera dalle autorità americane alla fusione tra Charter Communications e Time Warner Cable

Via libera dalle autorità federali statunitensi all’acquisizione da 55 miliardi di dollari, annunciata un anno fa, di Charter Communications da parte di Time Warner Cable anche se con alcune condizioni stringenti. In particolare il Dipartimento di Giustizia e il presidente della Federal Communications Commission, Tom Wheeler, hanno imposto condizioni volte a proteggere il mercato dall’operazione che creerà il secondo operatore via cavo degli Stati Uniti con 17 milioni di utenti.

John Malone controlla il 27% di Charter Communications (foto Guardian.com.uk)

Charter, secondo quanto si legge sui siti internzionali, ha accettato, tra le varie condizioni, di espandere i servizi di banda larga nei prossimi 5 anni a 2 milioni di case, un milione delle quali in zone dove la società competerà con un altro fornitore di servizi internet.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Potenza degli influencer. Un tweet di Jenner fa perdere a Snapchat 1,3 miliardi

Lotti: il problema della Serie A era il valore troppo basso. L’assegnazione dei diritti a Mediapro fa ben sperare

Cairo: dal mio arrivo in Rcs, nel 2016, debito sceso di 8 milioni ogni mese