Video

09 maggio 2016 | 10:54

Il partito comunista espelle un giornalista della Bbc dalla Corea del Nord: distorce la realtà dei fatti, non potrà tornare mai più

Un giornalista della Bbc è stato espulso dalla Corea del Nord, durante i lavori del VII congresso del partito comunista al potere. Lo ha reso noto la stessa emittente pubblica britannica, aggiungendo che il giornalista e due suoi collaboratori sono stati accompagnati oggi in aeroporto.

Come spiegato dalle autorità nordcoreane, in particolare da O Ryon Il, segretario generale del Dprk National Peace Committee, in questo video del Telegraph, la copertura giornalistica di Rupert Wingfield-Hayes è stata “poco rispettosa” e “distorce la realtà dei fatti”. Motivo per cui il giornalista non potrà “mai più tornare nel Paese”.

Get the Flash Player to see the wordTube Media Player.

Il reporter, entrato in Corea del Nord il 29 aprile, è stato arrestato mentre si accingeva ad abbandonare Pyongyang venerdi’ scorso ed e’ rimasto fino ad oggi in stato di fermo in un albergo della capitale. Wingfield-Hayes, che lavora abitualmente come corrispondente da Tokyo, è stato fermato insieme ad altri due dipendenti dell’emittente (la sua producer, Maria Byrne e il cameraman, Matthew Goddard): interrogato da solo per otto ore da funzionari nordcoreani è stato costretto – fa sapere l’emittente britannica – a firmare una dichiarazione. L’equipe della Bbc, oltre a seguire i lavori del congresso del partito, seguiva una delegazione di Premi Nobel arrivati nel recluso regime comunista per un lavoro di ricerca.