09 maggio 2016 | 18:00

Io alla guida del ‘Sole’? Mi date una notizia, dice Massimo Giannini, che sul suo futuro a ‘Ballarò’ aggiunge: il dg mi ha spiegato che nulla è stato deciso. I talk da tempo hanno qualche difficoltà

“Ci siamo visti la sera stessa a Dogliani. Lui mi ha detto di essere stato frainteso e mi ha assicurato che nessuna decisione è stata presa. Tutto è rinviato ancora di alcuni giorni”. Intervenendo a ‘Un giorno da pecora’ su Radio 2 Massimo Giannini ha risposto così a una domanda sulle parole del dg Rai, Antonio Campo Dall’Orto, che al Festival di Dogliani ha fatto capire che la prossima stagione cambierà la conduzione di Ballarò.

“Ho l’interim” del programma, ha scherzato il giornalista, spiegando che “è difficile fare una previsione” sulla sua permanenza. “Ci sono due piani”, ha spiegato “se guardo al piano politico non c’è nessuna ragione al mondo per rinnovare il contratto. Renzi, d’altronde, attacca i talk, quelli del martedì in particolare. Su Floris, però, non ha voce in capitolo, mentre sulla Rai sì. Sul piano aziendale la situazione è diversa, perché ho buoni rapporti con Campo Dall’Orto, Verdelli e Bignardi”.

Massimo Giannini (foto Olycom)

Massimo Giannini (foto Olycom)

Parlando del suo rapporto con il premier, il giornalista ha ricordato come già in passato, quando era a Repubblica, Renzi lo aveva criticato. “Io non ho niente contro di lui, forse lui ha qualcosa contro di me”, ha detto, “Abbiamo avuto due o tre momenti con qualche frizione, ad esempio quando feci l’editoriale in occasione della sua visita ad Arcore, criticando non il fatto che fosse andato da Berlusconi ma il luogo dell’incontro”.

“Renzi ha implementato una forma nuova di comunicazione che considera sostitutiva del talk, il #matteorisponde”, ha aggiutno. “Così, un’altra delle intermediazioni sociali che non gli piacciono viene superata da un format in cui lui si fa le domande e si dà le risposte, come Marzullo”.

Sul suo possibile passaggio alla guida de ‘Il Sole 24 Ore’ dopo la chiusura della stagione di Ballarò, il giornalista ha risposto: “Mi date una notizia, io non so nulla”. Tornando sui talk, Giannini ha parlato anche delle tematiche alimentari affrontate nelle ultime settimane dai vari programmai. “Siamo stati i primi a fare due puntate in cui abbiamo colto un punto politico cruciale. Il cibo è politica. Prendemmo il caso dell’olio importato dalla Tunisia, poi abbiamo fatto una puntata sul grano importato dall’Europa dell’Est. Continuiamo comunque a parlare di politica, ma abbiamo un programma che dura tre ore… la formula ha manifestato qualche difficoltà, ma non da oggi”. Quanto agli ascolti Giannini ha ricordato che “Ballarò è ancora il talk più visto in termini di share” e nel confronto con diMartedì il programma di Rai3 è in vantaggio “12 serate a 7″.