09 maggio 2016 | 17:59

Cresce il fatturato, ma calano le copie vendute nei primi mesi del 2016. A Torino la presentazione dell’indagine Nielsen per Aie

Continua il segno positivo anche nei primi quattro mesi del 2016 per il mercato del libro, mentre calano le copie vendute.  Questi in sintesi i primi elementi che emergono dall’indagine realizzata da Nielsen per l’Aie, l’Associazione Italiana Editori, che verrà presentata il 13 maggio al Salone internazionale del libro di Torino. 

Scendendo nel dettaglio, nei canali trade (librerie, librerie online con esclusione di Amazon, grande distribuzione organizzata) da gennaio al 23 aprile di quest’anno i libri di carta hanno registrato una crescita del fatturato del +0,1%. Nello stesso periodo del 2015 il segno era negativo (-2,6%) anche se si intravvedevano segni di ripresa. Resta invece in area negativa il numero delle copie vendute: -3,4%. Nello stesso periodo del 2015 erano-4%. Alla chiusura del 2015 il dato complessivo del fatturato annuale risultava del +0,7% e con gli ebook raggiungeva il +1,6%, secondo una stima dell’Ufficio Studi Aie. Tra le cause della flessione del numero di copie vendute il fatto che sono aumentati gli italiani che si creano mix personali di carta e digitale, lettura su e-reader e su smartphone.

Federico Motta

Federico Motta, presidente Aie (foto Olycom)

La presentazione costituisce il punto di partenza del convegno ‘Sarà tutta un’altra storia – Il nuovo inizio del XXI secolo’. L’appuntamento, oltre a fotografare che cosa è successo nel 2015 e come si è avviato il 2016, vuole discutere la situazione in cui si trova l’editoria italiana, a partire dai dati sullo scenario internazionale e domestico, con le analisi di  Sandro Ferri (Edizioni e/o), Monica Manzotti (Nielsen), Federico Motta (presidente di Aie), Paola Ronchi (direttore generale di Harper Collins Italia), Enrico Selva Coddé (ceo di Mondadori Libri, Area trade), moderati da Giovanni Peresson, dell’ufficio studi Aie.