Inopportuna la presenza del direttore del Tg1 ai convegni del Pd, dice il senatore M5S Airola: Verdelli si occupi di questo tema, inclusi possibili compensi per la partecipazione

“L’annunciata presenza di Mario Orfeo domani a Palermo con il ministro Boschi e il sottosegretario Faraone per affermare le ragioni del sì al referendum costituzionale è del tutto fuori dal ruolo di indipendenza che il servizio pubblico deve ricoprire”. Lo afferma Alberto Airola, senatore M5S in commissione di Vigilanza Rai.

“Riteniamo inopportuno – aggiunge il parlamentare ripreso da AdnKronos – che il direttore del Tg1 partecipi a iniziative proprie del Partito democratico, moderando convegni che non sono istituzionali ma appartenenti ad una precisa parte politica”.

Alberto Airola

Alberto Airola

“La moderazione di convegni partitici da parte di giornalisti Rai – prosegue Airola – è una cattiva pratica purtroppo diffusa. Invitiamo l’azienda e in particolare il direttore editoriale Carlo Verdelli ad affrontare il tema, perché la Rai non solo deve essere indipendente dalla politica ma deve anche apparire tale. Altro tema poi è quello dei compensi: la partecipazione a iniziative di questo genere è retribuita? Se così fosse saremmo davanti a una fattispecie pericolosissima. Invitiamo il direttore Verdelli ad esaminare quanto prima tali aspetti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Al forum di Wpp Italia e TEH Ambrosetti tutto sui Millennials, la generazione che sta cambiando la società e la pubblicità

Malagò ancora contro il Governo: con quattro righe è stato ucciso il Coni

Il Wall Street Journal vara una task force contro fake news e video artefatti