Gianluigi Paragone diserta i corsi di formazione: ho zero crediti e sfido l’Ordine a buttarmi fuori

Gianluigi Paragone diserta i corsi di formazione e sfida l’Ordine a buttarlo fuori. Come ha scritto lui stesso a Libero, “in uno dei miei ultimi articoli da giornalista professionista”, prima alla “Rai ora La7, attraverso Radio105” e Libero, “ho trascorso l’ultimo decennio di vita professionale a dar battaglia verso la burocrazia italiana, verso le leggi inutili”. E ora “lo dico al presidente dell’ Ordine: non mi sono iscritto alla piattaforma informatica, né ho preso parte ad alcun corso di aggiornamento obbligatorio”.

Gianluigi Paragone (Olycom)

Nemmeno, prosegue Paragone, “ho tenuto seminari o altro genere di fantasticherie oratorie utili a cumulare crediti. Ho zero crediti. Zero”. Di più, Paragone ribadisce di essere per “l’ abolizione degli Ordini professionali, come per il superamento del valore legale del titolo di studio, sono per oltrepassare la frontiera della burocrazia se non laddove fosse indispensabile. I corsi di formazione obbligatoria con relativo creditificio non lo sono. Quindi io mi oppongo. In attesa di essere sanzionato”.

Denunciando quello che definisce come “il fantastico mondo dei crediti, club di amicizie che rivela la nervatura castale dell’Ordine (perché noi siamo una casta quanto le altre!)”, Paragone avvisa infine, “i colleghi che mi dovessero mandare sms di incoraggiamento che pubblicherò i loro nomi sulla mia pagina fb, perché non mi interessa fare il don Chisciotte per conto terzi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Copyright, Carotti (Fieg): cooperare con le grandi piattaforme. Per l’industria di qualità servono risorse

Tennis, Next Gen Atp torna a Milano. Binaghi (Fit): le Atp Finals a Torino un sogno realizzabile

Facebook sceglie l’ex vice premier inglese Clegg per guidare affari globali e comunicazione