17 maggio 2016 | 18:15

Exor riduce la sua quota in Rcs al 3,231% e gli Agnelli scendono sotto il 5%. Intanto il titolo risale in Borsa e il gruppo vale 135 milioni in più dall’annuncio dell’Ops di Cairo

Scende sotto la soglia del 5% la partecipazione in Rcs intestata alla Giovanni Agnelli e C sapa. Come riporta l’Agi, la quota è scesa infatti al 4,79% lo scorso 12 maggio, secondo quanto riporta la Consob tra gli aggiornamenti sulle partecipazioni rilevanti.

Nel dettaglio, il 3,231% del gruppo editoriale fa direttamente capo a Exor e il restante 1,559% a Interim One, il veicolo in liquidazione cui Fca aveva girato il 16,7% di Rcs destinato a essere distribuito ai propri soci.

John Elkann (foto Olycom)

L’accomandita degli Agnelli aveva comunicato di avere in portafoglio il 6,444% di Rcs lo scorso 4 maggio, data di efficacia della distribuzione da parte di Fca.

Sulla base delle indicazioni rese alla Consob, risulta sostanzialmente invariata la partecipazione di Interim One (pari all’1,565% il 4 maggio), mentre quella di Exor, che ha da tempo annunciato l’intenzione di vendere le azioni sul mercato, e’ scesa in meno di dieci giorni dal 4,879% all’attuale 3,231%.

Intanto il titolo sale in Borsa e si porta al di sopra del prezzo di 0,70 euro offerto nell’Opa promossa da Andrea Bonomi e della cordata Mediobanca, Della Valle, Unipolsai e Pirelli, i quattro soci insieme già titolari del 22,6% del gruppo editoriale

A fine giornata, prosegue l’Agi, il rialzo è del 3,1% a 0,715 euro per azione, ma nel corso della seduta Rcs ha sfiorato il +5% (0,728 euro il prezzo massimo). Sostenuto il volume degli scambi, con più di 23 milioni di titoli passati di mano, vale a dire circa il 4,45% del capitale sociale.

Cairo, dopo un vertice in mattinata con Gaetano Miccichè (Banca Imi) e gli advisor nello studio legale Erede, aveva detto ai cronisti di non voler parlare più del tema ops.

Con il rialzo di oggi, intanto, il titolo Rcs è risalito in Borsa ai massimi da sei mesi (non saliva sopra la soglia degli 0,7 euro dall’11 novembre scorso). Dall’annuncio dell’ops di Cairo, l’8 aprile scorso, il gruppo editoriale ha guadagnato in Borsa il 57%, che equivale a oltre 135 milioni di euro di capitalizzazione, ricorda l’Agi. Rcs, infatti, valeva in Borsa a inizio aprile 237 milioni e ne vale 373 milioni alla chiusura di oggi; +20% il bilancio delle sole ultime due sedute. La Cairo Communication e’ salita invece oggi dell’1,38% a 4,40 euro, ma e’ in rosso il bilancio a piazza Affari dall’annuncio dell’ops.