Comunicazione, Radio, Televisione

18 maggio 2016 | 16:17

CambieRai. Ecco le sedici proposte dei tavoli tecnici convocati dal Mise per la Rai del futuro (DOCUMENTI)

Ecco tutte le proposte, pubblicate dal Mise, uscite dai 16 tavoli tecnici di CambieRai convocati il 12 aprile scorso all’Auditorium-Parco della Musica di Roma.

Tavoli tecnici

Distribuite in 4 macro-aree (Sistema Italia, Industria creativa, Digitale e Società italiana), le proposte sono il risultato del lavoro svolto dalle associazioni degli autori e produttori della tv, del cinema, della radio, dell’animazione e dell’informazione, dai rappresentanti di organizzazioni del made in Italy, del turismo, del digitale, dei beni culturali, del terzo settore, della scuola e università, dei consumatori.

A luglio Istat analizzerà i risultati che saranno raccolti in un documento di sintesi della consultazione pubblica che accompagnerà la nuova bozza di Convenzione tra lo Stato e la Rai, che dovrà essere approvata entro ottobre, per realizzare la Rai del futuro.

Al tavolo intrattenimento hanno partecipato: Linda Brunetta, Maja Cappello, Fabio Guarnaccia, Erik Lambert, Giancarlo Leone, Emanuele Nenna, Cecilia Penati, Alessandra Ravetta e Francesco Siliato

Ecco tutte le proposte e idee preliminari dei 16 tavoli tecnici per il servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale che sono alla base del questionario, suddivisi per argomento (scarica o leggi i documenti cliccando sul titolo):

Sistema Italia:
1. Made in Italy
2. Internazionalizzazione
3. Territori
4. Comunità e identità nazionale

Industria Creativa:
5. Cinema
6. Fiction e animazione
7. Intrattenimento
8. Documentari

Digitale:
9. Alfabetizzazione digitale
10. Servizi PA
11. Startup e imprese
12. Tecnologie

Società Italiana:
13. Informazione
14. Scuola e Università
15. Cultura
16. Pubblica utilità

Online su cambierai.gov.it anche il questionario, realizzato con la collaborazione tecnica di Istat, che sarà online per 45 giorni e ed è composto da 36 domande, con temi che spaziano dall’utilizzo delle risorse da canone e pubblicità alle nuove abitudini di consumo dei programmi tv, dalla dimensione internazionale della Rai al rapporto con l’industria dell’audiovisivo, dalla presenza sulle nuove piattaforme all’alfabetizzazione digitale, dall’indipendenza dell’informazione al rapporto con pubblica amministrazione, scuola, mondo del sociale

I tavoli tecnici