Privata della patria potestà la giornalista che aveva pubblicato i video del processo sul traffico di armi tra Siria e Turchia

Una condanna a 20 mesi di carcere e la sanzione aggiuntiva della perdita della patria potestà. È questa la pena decisa da un tribunale turco per la giornalista Arzu Yildiz, giudicata colpevole di aver violato la riservatezza dell’udienza di un processo a 4 magistrati che avevano ordinato la perquisizioni di camion dei servizi segreti diretti in Siria, pubblicandone le immagini nel maggio del 2015.

Ma a fare scalpore è stata la decisione dei giudici di togliere alla giornalista la patria potestà sulle sue figlie. Una decisione che per l’avvocato della reporter, secondo quanto riportano le agenzie,  è stato “un atto di vendetta”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Erdogan al parlamento di Ankara: l’omicidio di Khashoggi è stato premeditato

Rai: il Pd chiede il controllo delle schede per l’elezione di Foa alla presidenza di Viale Mazzini

Condé Nast lancia la sua Talent Social Agency con 27 influencer italiani e internazionali