20 maggio 2016 | 10:43

Paolo Galletti nominato direttore delle risorse umane in Rai al posto di Valerio Fiorespino

Paolo Galletti è il nuovo direttore delle risorse umane della Rai in sostituzione di Valerio Fiorespino. Lo conferma la Rai in una nota del 19 maggio. Galletti, 49, anni, nato a Cremona. Laureato in Scienze Politiche all’Università di Milano e ha poi conseguito l’Executive Master of Business Administration della Bocconi.

Nella sua carriera ha sempre lavorato nel settore delle risorse umane, in società come Cremonini, Arthur Andersen, Deloitte ed Ernst & Young, dove, in particolare, è stato direttore delle risorse umane per Italia, Portogallo e Spagna e, successivamente, direttore di tutte le disorse umane per i servizi finanziari in Europa, Medio Oriente, India e Africa. Dal settembre 2014 ad oggi è stato direttore delle risorse umane di Italia, Centro Europa e Grecia per Accenture, un’unità geografica che comprendeva 12 Paesi con oltre 21 mila dipendenti, di cui 11 mila in Italia.

Paolo Galletti

La sua nomina, che, ha specificato la Rai, è avvenuta ”dopo una attenta analisi delle risorse interne e la valutazione di una serie di candidati esterni all’azienda”, ha provocato subito reazioni da parte di alcuni esponenti politici.  ”Dopo l’ennesima nomina esterna in Rai continuo a pensare che due o tre dirigenti bravi ci siano anche in Rai. Sono convinto che prima o poi anche il direttore generale Campo Dall’Orto se ne renderà conto”, ha detto il senatore Salvatore Margiotta, ironizzando sul fatto che ”che con la nomina di un esterno dopo l’altro” la Rai “abbia già speso in anticipo tutte le risorse aggiuntive che possono arrivare dal canone in bolletta”. “Ora azienda dimostri trasparenza e renda pubblica procedura job posting”, ha scritto invece su Twitter il segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi.

L’Usigrai nelle scorse settimane ha presentato un esposto all’Autorità Anticorruzione e alla Corte dei Conti sul tema delle assunzioni esterne nell’attuale gestione perché ritenute oltre il numero consentito dalla normativa.