20 maggio 2016 | 18:15

Il Cda di Rcs esamina in via preliminare l’Opa di Andrea Bonomi e dei quattro azionisti storici dell’editrice e ribadisce l’obiettivo di creare valore, senza trascurare alcuna opzione strategica

“Il Consiglio mantiene il proprio obiettivo di creazione di valore per RCS MediaGroup nel migliore interesse di tutti gli azionisti, non trascurando alcuna opzione strategica”. E’ quanto si legge nella nota diffusa al termine del Cda del gruppo editoriale milanese, che questa mattina ha esaminato preliminarmente l’Opa annunciata il 16 maggio da International Acquisitions Holding (controllata dalla Investindustrial di Andrea Bonomi), oltre che da Diego Della Valle, Mediobanca, UnipolSai e Pirelli.

La riunione è stata presieduta da Teresa Cremisi, dopo che Maurizio Costa, consigliere indipendente di Mediobanca ha deciso di non partecipare ai Cda di Rcs che esamineranno l’Opa della cordata guidata da Bonomi e l’Ops di Cairo Communication. Farà lo stesso Stefano Simontacchi che siede nel consiglio di Rcs in rappresentanza dell’azionista Cairo e che un altro consigliere ed è partner dello studio Bonelli Erede, advisor legale dell’Ops.

Teresa Cremisi, consigliere di Rcs che oggi ha presieduto la riunione

Affermato che l’Opa di Investindustrial e dei soci storici di Rcs, ”non è stata concordata, né preventivamente comunicata alla società” il comunicato ricorda che il prezzo di 0,70 euro offerto è a premio sulle quotazioni di borsa degli ultimi tre, sei e dodici mesi, il ricorda peraltro che il target price degli analisti prima dell’8 aprile (data dell’Ops di Cairo) si attestava a 0,81 euro per azione. Rcs segnala che il prezzo offerto nell’offerta in contanti di Bonomi è a premio a tre, sei e dodici mesi dall’ultimo giorno di borsa aperta (il 13 maggio) prima della comunicazione dell’Opa. Calcolando invece le medie dalla data dell’8 aprile, giorno dell’annuncio dell’offerta di scambio di Cairo, il corrispettivo dell’Opa è a premio sui tre e sei mesi, ma è a sconto a dodici mesi.

Il Cda di Rcs ha, inoltre, nominato il professor Roberto Tasca, ordinario di Economia degli intermediari dinanziari all’Università di Bologna come esperto indipendente sull’Opa di Andrea Bonomi e sull’Ops di Cairo.

- Leggi o scarica la nota del Cda di Rcs, disponibile sul sito del gruppo (.pdf)