Niente car sharing né baratti online per tre italiani su quattro. Ma il 10% della popolazione ricorre all’economia della condivisione senza saperlo (INFOGRAFICHE)

In Italia la sharing economy è conosciuta dal 70% della popolazione. Lo rivela uno studio della società di analisi di mercato e consulenza di marketing, Tns Italia. Un Italiano su 4, secondo Tns, utilizza la sharing economy e la prospettiva è di ulteriore crescita, anche se secondo il chief digital officer e ceo, Federico Capeci, “è una crescita col freno a mano” tirato.

La maggior parte dei non utilizzatori, secondo l’indagine – che ha ascoltato 1000 individui maggiorenni utilizzatori di Internet, con accesso giornaliero 90% e accesso settimanale 10% ed è stata effettuata online fra il 14-19 Ottobre 2015 – sono propensi all’uso futuro (22%) o necessitano di maggiori informazioni (18%).

Fra gli utilizzatori, il 10% di intervistati dichiara di usare alcuni dei servizi suggeriti, ma non li associa spontaneamente al mondo “sharing”.

E fra i servizi utilizzati, gli Italiani fruiscono di servizi di mobilità (26% varie tipologie dalla mobilità collettiva alla condivisione costi di viaggio, a servizi forniti da aziende in abbonamento), servizi organizzati di scambio e baratto di oggetti di vario tipo (10%), servizi di alloggio di una camera o casa private (9%), servizi culturali (8%), servizi di social lending, prestiti fra privati (4%).

Leggi o scarica le infografiche complete

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Al forum di Wpp Italia e TEH Ambrosetti tutto sui Millennials, la generazione che sta cambiando la società e la pubblicità

Malagò ancora contro il Governo: con quattro righe è stato ucciso il Coni

Il Wall Street Journal vara una task force contro fake news e video artefatti