Secondo i rumor Enel in pole position per l’acquisto di Metroweb. In programma domani il board di Cassa Depositi e Prestiti per discutere sulle offerte

Le offerte di Telecom e di Enel su Metroweb saranno esaminate domani dal Cda della Cdp, che ha il 46% della società che posa la fibra ottica, e successivamente si riunirà il board di F2i, principale azionista con il 54%. Il consiglio di F2i si riunisce anche oggi ma, secondo quanto riporta l’agenzia Ansa, nella riunione in agenda da tempo all’ordine del giorno ci sono esclusivamente i conti trimestrali.

Non è escluso che a margine i consiglieri possano parlare del dossier ma non sono attese decisioni. Telecom ha messo sul piatto 816 milioni – 10 in più di Enel – e punta al 100% di Metroweb, ma è pronta ad articolare l’offerta scambiando inizialmente una quota superiore al 65% con partecipazioni in Sparkle o Inwit, quest’ultima gradita ad F2i, per completare poi l’acquisizione in un secondo tempo.

Fabio Gallia, amministratore delegato Cdp (Foto Olycom)

Quanto all’offerta di Enel, invece, l’obiettivo è fondere Metroweb con la controllata Enel Open Fiber, che sarebbe aperta alla partecipazione della Cdp, che ha il 46% di Metroweb, come auspicato anche dal presidente del consiglio Matteo Renzi. Più intenzionata invece a farsi da parte, in questo secondo caso, è F2i e l’ipotesi di tenere entrambe le porte aperte consentirebbe agli attuali azionisti di prendere più tempo e consentire una diversa calibratura delle due proposte d’acquisto.

Intanto, come riporta ancora l’agenzia Ansa, tornano a circolare i rumors che vedono Cdp propendere per Enel anche se ad oggi le due offerte non sono vincolanti. In ogni caso, scrive ancora l’agenzia, da Cdp nessun commento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Gli ultimi giorni in vista delle elezioni sui giornali torinesi

Potenza degli influencer. Un tweet di Jenner fa perdere a Snapchat 1,3 miliardi

Lotti: il problema della Serie A era il valore troppo basso. L’assegnazione dei diritti a Mediapro fa ben sperare