30 maggio 2016 | 8:58

Trasferta a Los Angeles: per la Rai partono 14 dirigenti contro i 4 di Sky, i 3 Mediaset e i 2 Discovery

(Lastampa.it) Che il mercato dell’audiovisivo di Los Angeles sia una tappa esclusiva per i maggiori operatori televisivi internazionali è scritto ormai negli annali stessi dei «L.A. screenings» dove ogni anno decine di produttori comprano, vendono e scambiano fiction e serie televisive. Un grande appuntamento, insomma, dove tradizionalmente anche Rai, Mediaset, Fox, Sky e Discovery sono presenti per attivare progetti e acquistare prodotti. Come dire: se nei prossimi anni continueremo a vedere le grandi serie televisive e conoscerne di nuove, come avvenuto nel passato per House of cards, The blacklist, Ncis e tante altre lo si dovrà alla lungimiranza e alle capacità degli operatori del settore che «riportano» a casa quanto di meglio trovano sul mercato, e le serie più gettonate.

Antonio Campo Dall’Orto (Foto: Olycom)

Tutto ciò accade una volta l’anno, e ogni anno le aziende televisive italiane e internazionali si incontrano in California e si contendono esclusive editoriali. Da Sky, (che è la più attiva su quel mercato) a Mediaset passando per la Rai. Anche quest’anno (L.A. scrennings si è appena concluso) è andata così. Sky ha inviato quattro manager, Discovery uno dall’Italia e un altro dalla Spagna, e Mediaset tre dirigenti della Tv. Solo dei manager Rai non è dato conoscere il numero certo. Da viale Mazzini fanno sapere che vista l’importanza dell’evento c’è una delegazione di dirigenti che rappresenta un po’ tutto il sistema televisivo Rai. Ma il numero esatto è difficile da quantificare. Ci sono i referenti delle tre reti, poi della fiction, degli acquisti e via dicendo. Ma il numero esatto non viene fuori. Almeno da viale Mazzini. Più semplice chiederlo a Los Angeles, dove pare li abbiano contati e sono in quattordici. Ricapitolando: 2 Discovery, 3 Mediaset, 4 Sky, e 14 per la Rai.