31 maggio 2016 | 12:03

“Sui giornali ogni giorno cose false su di me”. Il premier Renzi accusa la stampa: se dovessi decidere se votare per me leggendo quello che leggo, non so se lo farei

“Dalla mattina alla sera vedo sui giornali trafiletti che dicono cose false su di me. Tanto che se dovessi decidere di votare per me leggendo le cose che leggo, avrei dei dubbi”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi rispondendo alle domande degli studenti presenti a un incontro organizzato a Milano da Boston Consulting Group. Il premier – scrive Adnkronos - porta ad esempio il sottosegretario Teresa Bellanova “che ha chiuso la crisi Almaviva stando ore al tavolo e dando il meglio. E’ stata bravissima,  è un fatto bello e positivo, ma domani magari diranno che non basta”.

In questi casi, sostiene Renzi, “l’unico modo di resistere sotto pressione è avere una direzione e proseguire”. “Qualcuno – dice – la chiama arroganza, io la chiamo consapevolezza. Che vuol dire avere una direzione e proseguire”. Tuttavia, conclude, “trovare il giusto equilibrio tra arroganza e consapevolezza non è semplice”.

Matteo Renzi (foto Quotidiano.net)

Matteo Renzi (foto Quotidiano.net)