Con i social la credibilità è elemento essenziale, dice Capecchi di Agcom al #SocialCom16. De Biase: nuovi modelli di giornalismo sono possibili. Ravetta: se il 67% del traffico mobile passa da FB per i giornali online è difficile sopravvivere senza la carta

#SOCIALCOM16 è arrivato al secondo appuntamento e quest’anno il dibattito ha coinvolto protagonisti rilevanti della politica, del giornalismo e della corporate communication, che si sono confrontati sulle nuove forme di diffusione delle notizie, sul rapporto tra media tradizionali e social network, sull’attendibilità delle fonti e sulla formazione del consenso.Il dibattito – che si è svolto oggi alla Camera dei Deputati – è stato aperto da Riccardo Capecchi, segretario generale Agcom, sottolineando che “i social hanno profondamente cambiato la comunicazione, creando una narrazione in simbiosi con il pubblico, in cui la credibilità è un elemento essenziale”.


Anche secondo Gennaro Migliore, Sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia, è importante sottolineare il controllo delle fonti, in un mondo in cui i social rappresentano, secondo l’esponente del PD, «una rivoluzione straordinaria che ha il grande vantaggio di dare voce a tutti senza mediazione». Mentre per Antonio Palmieri, responsabile internet e nuove tecnologie di Forza Italia, «i social moltiplicano l’informazione, dividono in fazioni, sottraggono tempo e aggiungono opportunità» e ciò equivale a «più libertà e più responsabilità».


L’importanza dei social è stata sottolineata anche dalla nostra Alessandra Ravetta, che ha portato in primo piano un dato in base al quale il 67% del traffico mobile passa da FB collegandolo alla difficoltà che hanno i giornali online di sopravvivere indipendentemente dalla propria versione cartacea. Anche se, secondo Luca De Biase, Sole 24 Ore, inventare nuovi modelli per il giornalismo è possibile.  E aggiunge: dimostrare che fare informazione è utile a società costruendo modelli business coerenti.


A #SOCIALCOM16 si sono confrontati circa 20 esperti e addetti ai lavori che, oltre alla funzione informativa dei social, hanno dibattuto sul ruolo degli “influencer” nella costruzione della reputazione nei canali social, sulla brand awareness e la presenza sempre crescente delle aziende sui social network.
Novità legata all’oggetto dell’evento: durante il dibattito il popolo dei social è intervenuto in diretta attraverso l’hashtag #SOCIALCOM16.


 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Bonisoli: la riforma Ue del diritto d’autore non tiene conto dei progressi tecnologici

Italpress ricevuta da Papa Francesco per il suo trentesimo compleanno

La Fifa boccia l’idea della Liga di giocare partite negli Usa