Le cause interne in Rai diminuiscono. Dal 2013 al 2015 i contenziosi tra lavoratori e Azienda sono passati da 1350 a 900

I rapporti fra la Rai e i lavoratori sono nettamente migliorati negli ultimi anni. In particolare, a quanto apprende l’Adnkronos, dal 2013 al 2015, le cause avviate dai lavoratori contro l’Azienda sono passate da circa 1350 a circa 900.A occuparsi del capitolo ‘contenziosi’ sono state, in particolare, due figure che – e questo è il dato di difficile lettura – al momento non occupano più il loro precedente incarico. Si tratta del responsabile degli Affari Legali della Rai Salvatore Lo Giudice e del direttore delle Risorse Umane, Valerio Fiorespino, sollecitati dall’allora Dg Luigi Gubitosi a lavorare alacremente su questo fronte. Nel 2014,  infatti, l’Ufficio Legale dell’Azienda della Rai ha vinto persino un premio: il Top Legal Corporate Counsel Awards – Sezione Lavoro.

Ma il merito di questa tendenza positiva che va verso il decremento delle cause è anche degli accordi sindacali che, dal 2005 ad oggi, hanno consentito la sterilizzazione del contenzioso promosso dai
lavoratori a termine che era di centinaia di cause l’anno e la stabilizzazione dei precari. Una sterilizzazione che permesso di  ridurre il numero di ricorsi dalle centinaia del passato alle decine degli ultimi anni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Potenza degli influencer. Un tweet di Jenner fa perdere a Snapchat 1,3 miliardi

Lotti: il problema della Serie A era il valore troppo basso. L’assegnazione dei diritti a Mediapro fa ben sperare

Cairo: dal mio arrivo in Rcs, nel 2016, debito sceso di 8 milioni ogni mese