10 giugno 2016 | 9:54

La rivoluzione silenziosa della televisione: dal 2017 sul telecomando arriveranno anche i canali lineari via Internet

Roberto Borghi – Uno dei temi caldi del 13° European Digital Forum  in svolgimento a Lucca è stato l’annuncio – avvenuto un paio di giorni fa da parte dell’HD Forum Italia – della  pubblicazione dell’ultima  release (4.0) dell’HD Book, collana di documenti che contengono le specifiche tecniche destinate ai costruttori di apparati di ricezione televisiva per il mercato italiano.

Al di là del linguaggio tecnico – secondo cui  viene sancita l’adozione della tecnologia HbbTV versione 2.0.1, basata su HTML5, come unico standard per i servizi televisivi interattivi forniti dai broadcaster su Smart TV e set-top-box – il documento di fatto consente  ai produttori di mettere sul mercato i primi terminali dotati di una nuova tecnologia che permetterà di vedere attraverso la televisione anche i canali online.

Via libera quindi alla diffusione di canali televisivi lineari su protocollo IP con visualizzazione diretta sul telecomando, come se fossero tradizionali canali broadcast.

Benito Manlio Mari, Presidente di HD Forum Italia

Benito Manlio Mari, Presidente di HD Forum Italia

Senza richiedere l’utilizzo di uno specifico servizio interattivo – come riporta una nota stampa –  tali opzioni si inseriscono nell’attuale sistema di ricezione prevedendo funzioni come il parental control per la gestione dell’accesso ai minori e la possibilità di ottenere informazioni sul programma in corso e quello successivo. Il tutto sia in modalità free sia pay. La soluzione, di carattere sperimentale, richiederà la definizione di un nuovo quadro regolamentare per attuarne l’implementazione. Tuttavia, potrebbe offrire una via d’uscita alle problematiche di affollamento dello spettro supportando istituzioni e broadcaster a compensare il taglio di frequenze televisive in arrivo sul versante della banda 700 MHz.

La pubblicazione di HD Book 4.0 è frutto dell’impegno del ‘Joint Technical Group’ (JTG), organismo costituito in seno all’Associazione HD Forum Italia con l’obiettivo di produrre la collana HD Book assieme ad altri enti di standardizzazione internazionale, rappresentanze del settore o della filiera dell’audiovisivo. Tale organismo è stato affiancato da un sotto gruppo ad-hoc, denominato ‘HbbTV Working Group’, creato congiuntamente con l’Associazione HbbTV attraverso un protocollo d’intesa. Un cammino intenso, che anche questa volta è stato compiuto in collaborazione con Confindustria Radio Televisioni (CRTV).

Franco Siddi, Presidente di Confindustria Radio Televisioni, ha dichiarato: “Siamo lieti di collaborare con HD Forum Italia e in particolare alla pubblicazione di HD Book 4.0. L’iniziativa risponde all’obiettivo di allineare l’industria e il mercato italiano al resto d’Europa, in un settore come quello dei servizi televisivi interattivi che è destinato a crescere sempre di più negli anni a venire, rappresentando un fattore strategico di sviluppo per il Sistema Paese”.

Per Benito Manlio Mari, Presidente di HD Forum Italia, “HD Book 4.0 costituisce un tassello fondamentale nella ricerca di specifiche tecniche e regole condivise oltre i confini nazionali. Questo è l’obiettivo di HD Forum Italia che fin dalla sua nascita, nel 2006, si è sempre impegnata per uno sviluppo armonico del sistema televisivo. Ora siamo ansiosi di promuovere la fase di attuazione dei primi servizi proprio per favorire nuove opportunità di crescita per il mercato Italiano ed Europeo”.