13 giugno 2016 | 18:14

Borsa Italiana: nessun titolo conferito all’Ops di Cairo nel primo giorno dell’offerta

Si chiude con un nulla di fatto il primo giorno dell’offerta di scambio proposta da Urbano Cairo sulle azioni di Rcs. Secondo quanto ha comunicato Borsa Italiana, a conclusione dell’odierna giornata borsistica non è stato conferito alcun titolo all’Ops proposta dall’editore alessandrino con l’appoggio di Banca Imi.

L’offerta dell’editore piemontese, ricorda Dow Jones, punta a raggiungere il 50% del capitale della Rizzoli più un’azione e terminerà il prossimo 8 luglio salvo possibili proroghe. Queste ultime verrebbero concesse nel caso in cui Cairo decidesse, entro venerdì prossimo, di migliorare la propria offerta, nel tentativo di contrastare l’Opa lanciata da Investindustrial con l’appoggio di Mediobanca, UnipolSai, Pirelli e Diego Della Valle.

Urbano Cairo (foto Primaonline.it)

Al momento, la proposta di Cairo prevede di scambiare ciascuna azione Rcs con 0,12 azioni Cairo Comm., con una valorizzazione unitaria dei titoli di via Solferino pari a 0,551 euro (0,527 euro escludendo il dividendo). Tale offerta è già stata giudicata a sconto dal Cda di Rcs, supportato anche da una fairness opinion indipendente che ha indicato tra 0,8 e 1,13 euro il valore fondamentale del titolo. Non è d’aiuto neppure il passo del gambero con cui il titolo Cairo Comm. si sta muovendo a Piazza Affari nelle ultime sedute. Complice la volatilità innescata dall’approssimarsi del referendum sulla Brexit, i corsi dell’azienda di Urbano Cairo sono passati da inizio giugno da 4,5 ai 4,25 euro di oggi.