Facebook sigla 140 contratti con celebrità e media company per realizzare video per la sezione Live. Tra gli editori coinvolti anche CNN, New York Times e Huffington Post

I social scommettono sempre più sui video. E, mentre Twitter si apre a clip più lunghe e Tumbrl apre alle dirette streaming, Facebook ha siglato circa 140 contratti per 50 milioni di dollari con alcune media company e celebrità, per la registrazione di video destinati al servizio di live-streaming Facebook Live. Lo riporta il ‘Wall Street Journal’.

CNN, New York Times, Vox, Tastemade, Mashable e Huffington Post, sono alcuni dei nomi che spiccano tra gli editori coinvolti, mentre sul fronte vip invece emergono nomi quali Kevin Hart, Gordon Ramsay, Deepak Chopra e il quarterback della Nfl Russell Wilson. Il valore dei singoli contratti varia, ma dal documento compare che 17 contratti superano il milione di dollari. In vetta alla classifica dei più pagati c’è BuzzFeed, che riceverà 3,05 milioni di dollari per i video trasmessi nel periodo tra marzo 2016 e marzo 2017. Al secondo posto il New York Times, con 3,03 milioni di dollari per un accordo da 12 mesi, seguito da Cnn, con un contratto da 2,5 milioni di dollari.

Justin Osofsky

“Abbiamo voluto invitare un’ampia gamma di partner per poter ricevere un feedback da diverse organizzazioni su quello che può o non può funzionare”, ha commentato Justin Osofsky, vicepresidente delle operazioni globali e delle media partnerships di Facebook.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome