01 luglio 2016 | 17:16

La Rai sulle polemiche per l’assunzione di Semprini: rispettate tutte le regole. La risposta di Fnsi-Usigrai: la nota di viale Mazzini conferma la violazione delle norme. Pronti a ricorrere alle vie legali

“In merito ad alcune notizie di stampa circolate in queste ore, Rai precisa che tutte le procedure relative all’assunzione di Gianluca Semprini sono state seguite secondo le regole previste dal Contratto nazionale di lavoro giornalistico”. Inizia così il comunicato con cui, dopo il commento di ieri dell’Usigrai, la Rai risponde alle polemiche sorte attorno alla notizia dell’assunzione a tempo indeterminato di Gianluca Semprini, ex giornalista di Sky, inquadrato come capo redattore a RaiNews 24.

“Alla luce della grande esperienza maturata in un canale all news si ritiene che il suo arrivo, oltre alla copertura dello spazio informativo su Rai3 il martedì sera, possa nel tempo creare valore sia per l’azienda che per Rainews24 in considerazione di un suo futuro, adeguato utilizzo nell’ambito di una testata giornalistica connotata da analoghe modalità produttive. Va inoltre sottolineato come attraverso questo incarico professionale Rai abbia massimizzato il rapporto costi benefici invece di sostenere il peso di un oneroso contratto esterno”.

Gianluca Semprini

“In accordo con il Direttore editoriale per l’Offerta informativa e con il consenso del Direttore di Rainews24″, si legge ancora, “l’azienda ha dunque ritenuto di assumere Semprini in qualità di Capo redattore con contratto a tempo indeterminato con inquadramento a RaiNews24, procedendo al suo contestuale distacco presso Rai3 per il periodo necessario a soddisfare le esigenze editoriali della rete”.

Nella foto, da sinistra: Giuseppe Giulietti, Raffaele Lorusso (presidente e segretario generale della Fnsi), Vittorio Di Trapani, segretario generale UsigRai

Nel pomeriggio immediata la risposta di Usigrai e Fnsi. “La nota ufficiale della Rai conferma che sono state violate le norme contrattuali. Il contratto di lavoro giornalistico prevede che le assunzioni vengano ‘proposte’ dal direttore di testata. Non che dia un semplice consenso”, hanno affermato in una nota congiunta. “O l’azienda è in grado di pubblicare la proposta formale di assunzione formulata dal direttore di Rainews24″, precisano, “o ci rivolgeremo in ogni sede opportuna per denunciare questa palese violazione”, precisando di aver dato mandato ai legali di valutare tutta la documentazione.

“Nelle prossime ore forniremo all’Anac e alla Corte dei Conti un aggiornamento dell’esposto già presentato nelle scorse settimane”, ribadiscono le due sigle sindacali. “Risulta poi quanto meno offensivo il tentativo della Rai di difendersi sul fronte degli inutili costi aggiuntivi”, concludono. “Se davvero voleva ‘massimizzare il rapporto costi-benefici’, avrebbe potuto scegliere uno dei 1700 giornalisti che già alle dipendenze dell’azienda”.