Servono interventi equilibrati per radio e televisioni, dice il consigliere Rai e presidente di Confindustria Radio tv, Siddi. Rappresentano un settore nevralgico per l’innovazione e lo sviluppo del Paese

“Servono interventi equilibrati per radio e televisioni, settore nevralgico per l’innovazione e lo sviluppo del Paese”. A dirlo il consigliere Rai e presidente di Confindustria Radio Televisioni, Franco Siddi, introducendo il tema dell’Assemblea generale 2016 dell’Associazione italiana che riunisce le imprese dei settori dei media audiovisivi e radiofonici dai titolo ‘Televisioni e Radio, broadcasting e oltre’, in programma mercoledì 6 luglio, a Roma.

“Il tema prescelto per la nostra Assemblea”, ha spiegato Siddi, secondo quanto riporta AdnKronos, “ci connette immediatamente alla nuova centralità radiotelevisiva, su cui ormai tutti i competitori sono in campo con visioni e forze che sono indubbiamente differenti e che appunto per questo rappresentano una ricchezza di sistema”.

Franco Siddi, consigliere Rai (foto Giornalistitalia)

Franco Siddi, consigliere Rai (foto Giornalistitalia)

“Modelli diversi, scelte di contenuto diversificate: una sfida ampia e non solo tecnologica, che vede la radiotelevisione protagonista anche sul terreno del pluralismo culturale e civile”, ha concluso. Nel corso dei lavori sono previste tre sessioni tematiche: ‘La radio digitale: nuova frontiera della crescita’; ‘Il futuro della TV: innovazione, servizio e mercati’ e ‘Authority, mercati e diritti’.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram

Radio, i nuovi dati di ascolto Ter online il 24 luglio. Rilevato il primo semestre 2018

Iliad, raggiunto un milione di clienti in meno di due mesi. Levi: tempi sorprendenti, rilanciamo l’offerta