06 luglio 2016 | 18:20

Il tema del futuro per la televisione è riuscire a generare e conservare valore, dice il dg Rai Campo Dall’Orto, è importante fare sistema per affrontarlo su scala sovranazionale

“Non è il momento in cui ha senso Brexit, c’è un interesse comune di tutto il settore che andrebbe tutelato tutti insieme”. Così il direttore generale della Rai, Antonio Campo Dall’Orto, ha commentato, nel suo intervento all’assemblea generale di Confindustria Radio Tv, la decisione di Sky di uscire dall’associazione riprendendo la metafora sulla Brexit usata poco prima nello stesso convegno dal presidente di Mediaset Fedele Confalonieri. “Il nostro tema del futuro, sia del servizio pubblico e del settore radiotv in genere, è riuscire a generare e conservare valore. E per il nostro settore questo è legato soprattuto alla proprietà intellettuale, ovvero la genererazione, la commercializzazione, la difesa e la distribuzione della proprietà intellettuale, dei contenuti. Su questo tema, il modo con cui affrontare la scala sovranazionale sta diventando dirimente. E per questo è importante fare sistema e fare scelte normative che aiutino ad affrontare i cambiamenti repentini che si affacciano sul mercato”.

Antonio Campo Dall'Orto

Antonio Campo Dall’Orto