13 luglio 2016 | 10:13

Se vince l’offerta di pubblico acquisto e scambio di Cairo su Rcs, l’editore di La7 risalirà comunque nel capitale di Cairo Communication

Cairo non scenderà sotto il 50% di Cairo Communication. Dopo l’annuncio, ieri, in prima persona da parte di Urbano Cairo in conferenza stampa, oggi, c’è la conferma di U.T. Communications, società controllata dall’editore di La7, che rende noto che qualora, nel caso in cui sia perfezionata l’Offerta Pubblica di Acquisto e Scambio promossa da Cairo Communication su azioni Rcs MediaGroup, la partecipazione in Cairo Communication complessivamente detenuta da UT Communications, Urbano Cairo e UT Belgium Holding S.A. risulti inferiore al 50% più una azione, UT Communications darà mandato a un intermediario autorizzato di acquistare sul mercato azioni Cairo Communication mediante una procedura di reverse accelerated bookbuilding.

Urbano Cairo (foto Olycom)

Nell’ambito di tale procedura – si legge in una nota – UT Communications acquisterà il numero di azioni necessario a far sì che la partecipazione complessivamente detenuta in Cairo Communication da UT Communications, Urbano Cairo e UT Belgium Holding S.A. sia pari al 50% più una azione. Fermo restando che, in ogni caso, il numero di azioni oggetto della procedura di reverse accelerated bookbuilding non potrà eccedere il 5% del capitale sociale di Cairo Communication. UT Communications prevede che la procedura di reverse accelerated bookbuilding sopra indicata potrà essere avviata prontamente dopo il pagamento del corrispettivo dell’Opas.

“Io amo controllare al 51%”, aveva detto ieri l’editore di La7 alla presentazione dei palinsesti della nuova stagione. E qualora il 5% non dovesse bastare a tornare sopra la soglia del 50% più uno, “abbiamo contatti con alcuni investitori professionali o amici interessati a prendere un ulteriore 5%” della Cairo”.