Positiva la sfida tra Cairo e Bonomi per Rcs, dice Gros-Pietro (Intesa Sanpaolo): finalmente riconosciuto al gruppo editoriale il suo valore reale, non solo quello economico. Chi vince? Lo decide il mercato

La sfida tra Urbano Cairo e Andrea Bonomi per Rcs è “positiva” e sarà il mercato a sancire il vincitore. Così Gian Maria Gros-Pietro, presidente di Intesa Sanpaolo, che affianca Cairo come advisor tramite Banca Imi e ha consegnato ieri all’editore di La7 la sua quota in Rcs, pari a poco meno del 4,2% del capitale.

Gian Maria Gros Pietro

Gian Maria Gros Pietro,

“E’ molto positivo – ha sottolineato a margine di un incontro di Assonime – che ci sia una sfida, il mercato finalmente diventa protagonista e Rcs viene riportata alla giusta considerazione. Fino a pochi mesi fa sembrava non interessasse a nessuno, adesso finalmente viene presa in considerazione per il valore che ha, non soltanto economico. Poi staremo a vedere”.

Gros-Pietro non si è sbilanciato su quale sarà l’esito della contesa: “su questo non dico nulla, deciderà il mercato”, si è limitato a osservare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Cairo: dal mio arrivo in Rcs, nel 2016, debito sceso di 8 milioni ogni mese

Sindacati di categoria e Cdr vicini ai colleghi di Askanews (e critici con il bando agenzie)

Sgambetto Mediaset a Vivendi. Dailymotion deve rimuovere i video dell’Isola dei famosi