Mercato

13 luglio 2016 | 12:34

Il viaggio del Sole 24 Ore nell’Italia che innova fa tappa a nord est per il primo meeting delle Pmi

La piccola e media impresa italiana come asset strategico di crescita e non come limite. Questo il tema della terza tappa del “Viaggio nell’Italia che innova”, organizzato dal Sole 24 Ore, Confindustria e la Piccola Industria di Confindustria, in collaborazione con EY, che si svolgerà venerdì 15 luglio a Oderzo, nel Nord-Est italiano, dove l’imprenditorialità diffusa ha animato la straordinaria crescita di un territorio, fino a farne un modello.

L’obiettivo dell’incontro, che si terrà alla Nice S.p.A. presso ThePlace, in via Callalta 1, è raccontare il paradosso tutto italiano di una piccola e media impresa in grado di competere nel mondo con concorrenti di ordini di grandezza superiori, anche se da sempre viene indicata come limite strutturale della nostra capacità di crescita.

All’evento prenderanno parte tra gli altri il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, il Presidente di Piccola Industria Confindustria Alberto Baban, il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia e il Direttore di Banca dei territori Intesa San Paolo Stefano Barrese. Nel corso della giornata interverrà il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda.

L’evento sarà il 1° Meeting nazionale dedicato alle PMI, che diventa da quest’anno un appuntamento annuale di Piccola Industria Confindustria in questo territorio. Un meeting di imprenditori per gli imprenditori in cui far raccontare ai protagonisti la propria storia, la qualità innovativa e la determinazione del fare impresa in Italia.

Proprio nel sistema triveneto, dopo la lunga fase di crisi, la piccola e media impresa italiana si ripensa per progettare un nuovo ciclo di rilancio con caratteristiche innovative e scommettere su un nuovo modo di fare industria, con ben chiare le grandi sfide della competizione globale. La lingua per crescere parla digitale e racconta di creatività, di conoscenza, di fare rete insieme.

Troppo piccoli per crescere, verrebbe da dire. Eppure qui stanno le potenzialità del Paese di svoltare rapidamente e agganciare numeri concreti, reali e consistenti. Di qui si cresce oppure si sta fermi a lungo.

Clicca qui per maggiori informazioni e il programma.