Theresa May silura il ministro della cultura John Whittingdale, che voleva riformare la Bbc. L’esultanza di star e produttori tv su Twitter: è Natale?

Theresa May fa piazza pulita dei cameroniani nel suo governo. Tra i silurati spicca anche il nome del ministro della Cultura, John Whittingdale, particolarmente inviso alla Bbc per il suo piano di riforma e di ridimensionamento della tv pubblica inglese. L’ormai ex ministro, come ricorda il Daily Mail, una volta aveva scherzato sul fatto che la scomparsa della BBC sarebbe stata una ‘prospettiva allettante’, definendo il canone come ‘peggiore del poll tax’.

Come era logico aspettarsi, la notizia è stata accolta con particolare entusiasmo negli ambienti televisivi con produttori e star del piccolo schermo che non si sono fatte sfuggire l’occasione per cinguettare sui social, tra cori di Alleluja, battute sul fatto che fosse già arrivato Natale e brindisi nella newsroom della stessa Bbc

John Whittingdale (foto Olycom)

Recentemente protagonista di uno scandalo a sfondo sessuale per la sua relazione con una escort, Whittingdale, si è congedato, twittando i suoi auguri per il successore e promettendo il suo continuo impegno per l’industria creativa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il ceo del New York Times dà dieci anni di vita al suo giornale di carta

Il 70% degli italiani ha paura delle fake news

Mediapro passa al fondo cinese Orient Hontai