Google e Facebook sono diventati il duopolio della raccolta pubblicitaria online. Secondo Ken Doctor (Newsonomics), si spartiscono tra l’85 e il 90% della spesa per adv online

Google e Facebook sono divenuti il “duopolio” della raccolta pubblicitaria online. Lo sostiene Ken Doctor, autore di Newsonomics, libro sulle ultime novità e tendenze in ambito media poi divenuto sito di informazione, secondo cui ormai si è compiuto un processo cominciato quattro anni fa.

Ken Doctor

Google e Facebook, scrive Doctor su Niemanlab, si spartiscono ormai tra gli 85 e i 90 centesimi per ogni dollaro investito dalle aziende in adv online.

E la pubblicità online, ricorda Doctor citando un recente studio Comscore, rende di più sui cossiddetti “premium media”, cioè i siti top, come, per esempio, ‘The Times’, Espn, Hearst, Discovery Communications, Gannett, Slate e Abc. Dove, precisa Doctor, la differenza di prezzo rispetto agli altri siti può raggiungere i 20 dollari. “La programmazione”, in tal senso, “non conta”, secondo Doctor, nemmeno la capacità di “reach”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Dal 19 agosto ‘Il Foglio’ lancia un’edizione domenicale dedicata allo sport

Rai, M5S sceglie candidati Cda con voto su Rousseau. In lista Cellini, Coletti, Favale, Mazzola e Ventrice

Finale Mondiale boom ma senza record. Savino ok nel post gara. Bene Tour, MotoGp e Wimbledon