18 luglio 2016 | 17:14

Il golpe fallito in Turchia aiuterà il presidente Erdogan nella caccia alle streghe contro i giornalisti d’opposizione, dice il direttore di Cuhmuriyet, Can Dündar

Libertà di stampa sempre più a rischio dopo il golpe fallito in Turchia. Intervistato dal ‘Corriere della Sera’, Can Dündar, direttore del quotidiano ‘Cuhmuriyet’, condannato in primo grado a cinque anni e dieci mesi per “rivelazione di segreto di Stato”, osserva: “i mezzi di informazione filo-governativi hanno già iniziato la caccia alle streghe contro i giornalisti di opposizione”. E aggiunge: “la situazione peggiorerà sicuramente per i media in generale, con un potere ancora più forte nelle mani di Erdogan”.

Can Dündar con la moglie (Foto: Olycom)

Dopo il rientro del presidente Erdogan in Turchia, la polizia ha fatto arrestare 3 mila persone, soprattutto militari e magistrati, e ha bloccato l’accesso ad una ventina di siti di informazione, oltre che a Twitter, Facebook e Youtube.

Dündar, secondo cui il tentato colpo di stato “non è stata una farsa”, insieme al collega Erdem Gül, è divenuto famoso a livello internazionale e ha cominciato ad essere perseguitato dal regime, dopo aver rivelato, con un articolo, il traffico di armi gestito dai servizi segreti tra la Turchia e la Siria.