Turchia: il Consiglio supremo per radio e tv autorizza la revoca delle licenze ai media considerati vicini a Gulen

Dopo l’ondata di arresti che ha portato in carcere migliaia tra militari, giudici e funzionari pubblici accusati di essere implicati nel fallito golpe di venerdì scorso, non si ferma la repressione di Erdogan, e, dopo la richiesta di dimissioni per i 1577 rettori delle università turche inoltrata dal Consiglio per l’alta educazione (Yok), a essere colpiti sono i media, già più volte finiti al centro di interventi da parte del governo. 

Recep Tayyip Erdogan (foto Olycom)

Stando a quanto riporta l’agenzia Ansa, il Consiglio supremo per la radio e la televisione (Rtuk) avrebbe votato all’unanimità la revoca della licenza di trasmissione a “ogni radio o televisione legata a oppure a sostegno” della rete di Fethullah Gulen, accusato da Ankara di essere dietro al fallito colpo di stato.

La decisione non nomina esplicitamente alcun media, lasciando inevitabilmente spazio a un’interpretazione estensiva da parte delle autorità.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, accordo Fieg-Abi per rafforzare l’accesso al credito per le edicole

Editoria, accordo Fieg-Abi per rafforzare l’accesso al credito per le edicole

Dal 30 maggio al 2 giugno quinta edizione del Dig Festival, rassegna internazionale sul video giornalismo investigativo

Dal 30 maggio al 2 giugno quinta edizione del Dig Festival, rassegna internazionale sul video giornalismo investigativo

Davide Arduini eletto vice presidente di Una, Aziende delle Comunicazioni Unite

Davide Arduini eletto vice presidente di Una, Aziende delle Comunicazioni Unite