20 luglio 2016 | 18:00

Metroweb: chiuso l’accordo con Enel Open Fiber. La firma attesa nei primi giorni di agosto

Il deal sulla fusione tra Metroweb e Enel Open Fiber, la società creata ad hoc da Enel per il piano della banda ultralarga, sarebbe chiuso. Mancherebbe solo la firma formale del documento, prevista entro i primi giorni di agosto. A segnalarlo è l’agenzia Dowjones, precisando che sono stati trovati gli accordi di massima sui nodi che dovevano ancora essere sciolti, in particolare su Fastweb. Le parti ora sarebbero al lavoro per affinare gli ultimi dettagli, a cominciare dai documenti relativi alla Spa che nascerà dalla fusione.

A questo punto si attendono le riunioni dei Cda dei soci di Metroweb (F2i e Cdp). In particolare la prossima settimana si riunirà il Cda del fondo guidato da Renato Ravanelli, durante il quale oltre ai temi di ordinaria amministrazione, verrà discussa l’operazione con EoF. Per quanto riguarda Enel, al momento ufficialmente è stato convocato solo il Board per l’approvazione dei dati trimestrali che si riunirà il 28 luglio e successivamente ne verrà convocato un altro la prima settimana di agosto per procedere alla firma della lettera di intenti.

Alberto Trondoli, amministratore delegato Metroweb

L’offerta vincolante, ricorda l’agenzia, scadeva oggi, 20 luglio, e, come spiega un’altra fonte, non ci sarà alcun rinvio sulla chiusura dell’operazione. Dopo il semaforo verde dato dai Cda di Cdp ed F2i (soci di Metroweb) alla proposta avanzata da Enel, la scadenza dell’offerta in esclusiva era stata fissata al 3 luglio scorso; ma il nodo Fastweb e alcune questioni relative alla governance della nuova realta’ che nascera’ dal deal avevano portato le parti a prorogare per qualche altra settimana l’esclusiva.

 Intanto, Enel Open Fiber e Tiscali hanno firmato un accordo preliminare per la fornitura di connessioni end to end per l’accesso alla rete in fibra ottica Ftth realizzata dalla società controllata da Enel. I due gruppi, spiega una nota ripresa dalle agenzie, avvieranno una partnership per realizzare e commercializzare la rete di tlc a banda ultra larga in alcune aree del territorio italiano: Eof realizzerà una rete di telecomunicazioni a banda ultra larga in modalità Ftth nelle aree non a fallimento di mercato con l’obiettivo di allacciare con l’ultrabroadband i comuni selezionati e raggiungere quindi una copertura pari all’80% delle unità immobiliari presenti, mentre Tiscali commercializzerà il proprio prodotto in modalità Ftth a partire dai comuni di Venezia, Catania, Cagliari, Napoli, Perugia, Genova, Palermo, Firenze, Padova, aree che verranno poi estese in un secondo tempo ai comuni in cui la rete verrà via via sviluppata.