21 luglio 2016 | 10:12

Diego Della Valle presenta un esposto in Consob sulle offerte per Rcs: attenzione sull’operato di hedge fund e intermediari. Resi noti da Cairo Communication i risultati definitivi riferiti all’Opas

Come anticipato con una nota, Diego Della Valle nella tarda serata di ieri, 20 luglio, ha presentato un esposto in Consob sulle offerte per il controllo di Rcs. Secondo quanto riportano le agenzie al momento non ci sono indicazioni sui tempi entro i quali la Consob si potrebbe pronunciare.

L’imprenditore marchigiano, che in Rcs ha una partecipazione pari all’7,3%, è uno dei soci di International Media Holding (Imh), la newco con capofila Andrea Bonomi, che riuniva in cordata, accanto allo stesso Della Valle, anche Pirelli, UnipolSai e Mediobanca, uscita sconfitta dalla battaglia con  Cairo per il controllo sul gruppo che edita il Corriere della Sera.

Diego Della Valle (foto Olycom)

Secondo quanto scrive oggi ‘Il Sole 24 Ore’ al centro dell’atto, ci sarebbe l’operato di intermediari ed hedge fund nei giorni immediatamente precedenti la conclusione delle due offerte. E il faro potrebbe finire in particolare sull’operato di Equita che in questa partita ha svolto “il doppio ruolo di advisor di Cairo e intermediario sul titolo Rcs”. Della Valle ha dichiarato di agire in prima persona, ma, secondo il quotidiano, l’impressione è che la sua posizione sia condivisa anche dagli altri partner della cordata. Alto elemento particolaree è il fatto poi che nella nota Della Valle abbia parlato di Autorità e non di Consob, cosa che secondo alcune interpretazioni , potrebbe voler dire che non si possa escludere l’intenzione di coinvolgere la Procura di Milano.

Intanto Cairo Communication con una nota, diramata nella mattinata di oggi, ha comunicato i risultati definitivi dell’Opas, comunicando che, al netto delle revoche, sono state portate in adesione all’offerta “254.785.320 azioni Rcs, rappresentative del 48,82% del capitale sociale di Rcs e delle azioni ordinarie Rcs oggetto dell’Offerta”. Il “controvalore complessivo” è “pari a 45.861.357 azioni Cairo Communication e 63.696.330 euro da versarsi in contanti”.

I risultati sono stati comunicati “da Equita s.i.m. S.p.A., anche per conto di Banca Imi S.p.A., quali intermediari incaricati del coordinamento della raccolta delle adesioni”. Il pagamento del corrispettivo, conclude il comunicato, “avverrà in data 22 luglio 2016″.