Rcs: la Procura Milano apre un’inchiesta sull’Opas di Cairo

La Procura di Milano ha aperto un’inchiesta a carico di ignoti senza titolo di reato e senza indagati sull’Opas lanciata da Cairo Communication per Rcs. L’indagine, stando quanto riportano le agenzie, tecnicamente un modello 45 è stata affidata ai pm Baggio-Clerico-Civardi ed è stata avviata in seguito all’esposto presentato dai legali di Imh.

I tre pm  dovranno leggere le carte depositate giovedì scorso dai legali di Imh assieme alla copia dell’esposto presentato il giorno prima in Consob, per poi valutare il caso con il procuratore della Repubblica Francesco Greco. Al momento quindi si tratta di un’indagine ‘esplorativa’.

Imh è la newco composta dal finanziere Andrea Bonomi e dai soci storici di Rcs (Pirelli, Mediobanca, Unipolsai e Della Valle), che è stata sconfitta sul mercato. Dopo la chiusura dell’offerta sembrava che tutto potesse procedere liscio verso il passaggio di consegne in Rcs, ma poi Diego Della Valle per primo ha chiesto “chiarezza” sui movimenti dei pacchetti azionari durante il periodo dell’offerta e l’intera cordata ha quindi inviato segnalazioni a Consob e – per conoscenza – in procura. Dall’Autorità dei mercati hanno già fatto sapere di non aver ravvisato condizioni per sospendere l’Opas.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Tim, Agcom rinvia analisi preliminare progetto separazione rete

Un americano su cinque naviga su smartphone senza avere la connessione internet in casa

Zuckerberg mette una commissione di accademici a studiare l’effetto delle bufale su Facebook