New media, Televisione

04 agosto 2016 | 13:49

Agli italiani piace sempre più commentare su Twitter le trasmissioni e gli eventi tv anche non durante la messa in onda. Lo sport il genere più discusso. L’analisi Nielsen (INFOGRAFICHE)

Diventa sempre più stretto il legame tra social e tv. A ribadirlo una ricerca di Nielsen che ha monitorato i cinguettii dedicati nelprimo semestre 2016 a 6100 programmi ed eventi televisivi in Italia. I numeri parlano di 24,3 milioni di tweet postati da 603mila autori unici. Quello che emerge è un aumento delle discussioni legate allo sport, il 26% del totale, in crescita di 1 punto percentuale rispetto allo stesso periodo del 2015, grazie soprattutto al traino di Euro2016, e una tendenza da parte degli spettatori a farsi coinvolgere in conversazioni non lineari, cioè in un arco di tempo lontano dalla messa in onda effettiva del programma.

Considerando la finestra temporale continuativa (24/7), sottolinea Nielsen, sono stati postati 31,4 Milioni di Tweet, di questi solo Il 65% durante la finestra temporale Linear (+/- 3 ore rispetto alla messa in onda) e il resto nei giorni precedenti o successivi alla messa in onda.

Sanremo, Oscar, David, Laura e Paola, Eurovision, MTV Awards e Euro2016 sono alcuni dei successi tv che hanno catalizzato i social. Oltre allo sport, cresce l’intrattenimento, grazie ai risultati di programmi come C’è Posta per te e Ciao Darwin. Rispetto al 2015 sono cresciute anche le conversazioni relative alle serie TV italiane e straniere, come Gomorra 2 e Games of Throne. Rispetto allo scorso anno si registra, invece, una contrazione del numero di conversazioni relative ai Talent e ai Reality. In controtendenza solo Masterchef e Italia’s Got Talent.

Ultimo dato riguarda la sovrapposizione tra brand e tv, che cresce nel secondo trimestre in termini di authorship arrivando al 63% contro il 62% dei primi tre mesi del 2016. Tra le aziende più attive e che hanno generato maggiori conversazioni su Twitter spiccano quelle del beverage e della distribuzione.