24 agosto 2016 | 13:39

Impossibile che 42,3 milioni di italiani abbiano visto le Olimpiadi sulla Rai. Anzaldi: il dg Campo Dall’Orto è stato scorretto, ma chi gli ha procurato dati sbagliati su Rio 2016?

Ascolti tv: sulle Olimpiadi di Rio diffusi numeri “non credibili” e “scorretti”. Così il segretario della Commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi, replica al dg Antonio Campo Dall’Orto, che aveva detto: ”più di 42 milioni di persone le hanno seguite con la Rai”. Aggiungendo: “questo è stato il frutto di uno sforzo mai fatto prima, anche su internet e sui cellulari”.

Michele Anzaldi (foto Primaonline)

Michele Anzaldi (foto Primaonline)

“Il dg Rai Antonio Campo Dall’Orto ha entusiasticamente annunciato urbi et orbi che le Olimpiadi sono state viste da 42,3 milioni di italiani”, scrive Anzaldi in un post su Facebook. Ma “secondo l’Istat, al primo gennaio 2016 gli italiani erano 55,6 milioni. Ora, considerando gli italiani all’estero in vacanza o per lavoro, i ricoverati, i moribondi, i bambini etc., secondo il dg Rai tutti gli italiani nessuno escluso sarebbero stati per l’intero mese di agosto davanti alla tv. Con tutta la buona volontà il dato non è credibile, anzi un po’ scorretto”.

“È evidente – prosegue Anzaldi – che è la somma dell’audience medio giornaliero, e quindi se ad esempio un italiano ha visto le Olimpiadi 6 volte, significa che è stato conteggiato 6 volte e così tutti gli altri olimpiadi-dipendenti. I dati veri dicono invece che è stato l’ascolto più basso delle ultime (Pechino 2008, Londra 2012), dunque anche quelle di Londra delle quali la Rai peraltro non aveva tutti gli eventi né l’esclusiva (Sky aveva ceduto a Rai solo 300 ore di diretta)”.

“La domanda nasce spontanea – conclude il deputato dem – chi ha dato i dati sbagliati a Campo Dall’Orto?”.

Antonio Campo Dall'Orto

Antonio Campo Dall’Orto