In Rai serve più attenzione sulla rappresentazione della realtà, dice Santoro a Venezia. Il documentario dovrebbe essere al primo posto nel contratto di servizio pubblico

Il documentario “dovrebbe essere al primo posto nel contratto di servizio”. A dirlo Michele Santoro durante la conferenza stampa di ‘Robinù’, il film inchiesta sui baby camorristi oggi a Cinema nel Giardino. “Il nuovo gruppo dirigente Rai è sensibile, attento e colto”, ha detto il giornalista, “ma è come se fosse piegato ad una logica della rappresentazione del reale ordinata, pedagogica, ispirata ai buoni sentimenti, bisogna invece fare un atto coraggioso, una scelta politica di rappresentare la realtà disordinata come è”.

Michele Santoto (foto Olycom)

Santoro si è augurato anche più attenzione alle giovani leve del cinema e della televisione, “che fanno una fatica incredibile”. Santoro ha spiegato di sentire “la mancanza di un editore come la Rai non presente con sufficiente forza nel campo del realismo puro e integrale come quello che presentiamo noi a Venezia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Potenza degli influencer. Un tweet di Jenner fa perdere a Snapchat 1,3 miliardi

Lotti: il problema della Serie A era il valore troppo basso. L’assegnazione dei diritti a Mediapro fa ben sperare

Cairo: dal mio arrivo in Rcs, nel 2016, debito sceso di 8 milioni ogni mese